E’ MAI POSSIBILE…?

Con riferimento agli Oneri di Costruzione del cosiddetto “PIANO CASA”, mi chiedo se è MAI POSSIBILE che nessuno sappia o si ricordi che è VIGENTE ED OPERANTE, fin dal 1977,  la disposizione sotto riportata!

Nemmeno il Legislatore Lombardo la ricorda? E’ una BUFALA sostenere che AMPLIANDO FINO AL 20% “ALMENO SI PAGANO GLI ONERI”.

(vedi evidenziazione in giallo)

——————————————————

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 – (Bucalossi)
(G.U. 29-1-1977, N. 27)
NORME PER LA EDIFICABILITA’ DEI SUOLI

Art. 9.
(cessione gratuita)
Il contributo di cui al precedente art. 3 non è dovuto:
a) per le opere da realizzare nelle zone agricole, ivi comprese le residenze, in funzione della
conduzione del fondo e delle esigenze dell’imprenditore agricolo a titolo principale, ai sensi
dell’art. 12 della legge 9-5-1975, n. 153.
b) per gli interventi di restauro, di risanamento conservativo e di ristrutturazione che non
comportino aumento delle superfici utili di calpestì o e mutamento della destinazione d’uso,
quando il concessionario si impegni, mediante convenzione o atto d’obbligo unilaterale, a
praticare prezzi di vendita e canoni di locazione degli alloggi concordati con il comune ed a
concorrere negli oneri di urbanizzazione;
c) per gli interventi di manutenzione straordinaria, restando fermo che per la manutenzione
ordinaria la concessione non è richiesta;
d) per gli interventi di restauro, di risanamento conservativo, di ristrutturazione e di ampliamento, in
misura non superiore al 20 per cento, di edifici unifamiliari;

e) per le modifiche interne necessarie per migliorare le condizioni igieniche o statiche delle
abitazioni, nonché per la realizzazione dei volumi tecnici che si rendano indispensabili a seguito
della installazione di impianti tecnologici necessari per le esigenze delle abitazioni;
f) per gli impianti, le attrezzature, le opere pubbliche o di interesse generale realizzate dagli enti
istituzionalmente competenti nonché per le opere di urbanizzazione, eseguite anche da privati, in
attuazione di strumenti urbanistici;
g) per le opere da realizzare in attuazione di norme o di provvedimenti emanati a seguito di
pubbliche calamità.
Per le opere realizzate dai soggetti di cui al secondo comma dell’art. 4 il contributo per
la concessione – da determinarsi dal comune ai sensi del precedente art. 5 – è commisurato alla
incidenza delle sole opere di urbanizzazione.
Restano ferme le norme di cui agli artt. 29 e 31, secondo comma, della legge 17-8-1942, n.
1150, e successive modificazioni.

———————————–

COME LA METTIAMO? COME STANNO LE COSE?

E’ MAI POSSIBILE…?ultima modifica: 2009-07-27T15:24:00+02:00da psergioit
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento